Carrello 0
Il brigantaggio meridionale - Cronaca inedita dell'Unità d'Italia

Il brigantaggio meridionale - Cronaca inedita dell'Unità d'Italia

Autore: Aldo De Jaco

ISBN13: 9788835956853

Anno pubblicazione: 2005

€13.60 €16.00

Spedizione gratuita per ordini di almeno €49,00

Spedizione per posta raccomandata €3,95

Spedizione per corriere espresso €5,90



Pag. 464, formato 15x21 cm.

"Negli anni '60 del secolo scorso (l'800) nel Mezzogiorno italiano c'era una guerra feroce, senza leggi internazionali da rispettare, senza prigionieri, senza trincee e retrovie. Dei due eserciti quello "vero", con le divise in ordine e gli ufficiali usciti dalla scuola militare di Torino, se ne stava di presidio nei paesi, isolato come fosse nel cuore dell'Africa, fra gente che aveva lingua e costumi incomprensibili e, quasi sempre, un figlio o un fratello fra le montagne a tener testa agli "invasori". Ogni tanto il presidio veniva a sapere di qualche "reazione agraria" di qualche "ribellione borbonica" e accorreva di zona in zona, sulle poche strade conosciute, a reprimere le rivolte. Dai boschi e dalle montagne scendeva allora ad affrontarlo l'esercito silenzioso dei briganti. Nei paesi intanto si rinnovavano qua e là gli incendi dei municipi e degli uffici del catasto, i saccheggi delle case dei "galantuomini", si instauravano effimere amministrazioni che rendevano obbedienza all'esiliato Borbone. Tutto finiva con la restaurazione dei simboli dei Savoia e con la fucilazione in piazza dei briganti presi prigionieri, uomini dai volti chiusi dalle grandi barbe, dai vestiti fatti di pelli [...].

Questa "guerra" durò per circa cinque anni; difficile dire il giorno in cui essa cessò giacché, naturalmente, non fu firmato alcun armistizio. Si può dire che finì quando nelle selve incendiate e semidistrutte a colpi di cannone non rimasero che poche decine di banditi mentre nelle carceri o a domicilio coatto migliaia di contadini d'Abruzzo, di Puglia, di Terra di Lavoro, di Basilicata, di Calabria incominciavano a scontare le loro condanne [...].

Lo Stato appena sorto impegnò nella repressione dei "reazionari" metà del suo esercito, circa 120.000 uomini. Il destino del contadino meridionale si delineava ormai nell'alternativa indicata da Francesco Saverio Nitti: o brigante o emigrante".

Dall'introduzione di Aldo De Jaco.

Aldo De Jaco, giornalista e scrittore è stato attento raccoglitore di documentazione storica generalmente trascurata dalla storiografia ufficiale. Impegnato dal 1954 nel sindacato scrittori è stato il presidente dell'Unione nazionale scrittori. Ha pubblicato per Editori Riuniti: Gli anarchici, 1968, I socialisti, 1967, Il brigantaggio meridionale, 1969, Le quattro giornate di Napoli, 1956, 1971 e 1972.

Consulta tutti i titoli della collana "Il Milione".


INDICE

Introduzione

Mucchi d'ossa per Tata Vittorio

Carmine Crocco Donatelli

Aprile 1861 Briganti e contadini marciano su Melfi

28 luglio 1861 La "reazione" di Gioia del Colle

11 agosto 1861. Distruzione di Casalduni e Pontelandolfo

12 marzo 1863. Massacro dei cavalleggeri Saluzzo

Le trombe e le campane

"In praedicto loco fucilatus fuit"

Sangue e cifre sulla fine del brigantaggio

La lezione


Condividi


Altri libri in questa collana