Carrello 0
Chi ha tradito l'economia italiana?

Chi ha tradito l'economia italiana?

Autore: Nino Galloni

ISBN13: 9788864731612

Anno pubblicazione: 2014

€17.00 €20.00

Spedizione gratuita per ordini di almeno €49,00

Spedizione per posta raccomandata €3,95

Spedizione per corriere espresso €5,90



Quinta Edizione, con saggio introduttivo.

Pagine: 248, formato 15x21 cm., copertina con alette.

Nel saggio introduttivo a questa quinta edizione, l’autore propone di considerare quattro modelli economici corrispondenti ad altrettante tipologie capitalistiche che hanno caratterizzato gli ultimi 70 anni, dagli accordi di Bretton Woods ad oggi: 1) un capitalismo espansivo, manageriale e keynesiano che punta alla massimizzazione del profitto totale (e, quindi, della produzione, dell’occupazione e delle vendite alle condizioni di mercato) dal 1944 al 1979, vale a dire da Bretton Woods al G7 di Tokio; 2) un capitalismo «proprietario» con l’esplosione dei tassi di interesse (voluta, appunto, per restituire centralità ai proprietari) e conseguenza della nuova regolazione delle bilance dei pagamenti, della limitazione alla sovranità degli Stati e alla moneta esogena, della concorrenza tra le banche per il controllo della liquidità, dal 1980 al 1992 quando, nel settembre, crolla il Sistema Monetario Europeo proprio per l’insostenibilità di tale tipo di modello economico; 3) un capitalismo finanziario che ha come obiettivo la redditività dei titoli in borsa e che dura dal 1992 (crollo degli interessi obbligazionari che hanno caratterizzato la fase «proprietaria» precedente) all’inizio del 2001, quando si manifesta la crisi nelle borse stesse, e infine; 4) il capitalismo che l’autore definisce «ultrafinanziario» dove l’obiettivo è la numerosità delle emissioni di titoli (anche tossici), a prescindere dalla loro redditività.

Secondo l’autore, gli ultimi tre modelli capitalistici si caratterizzano per la loro insostenibilità: dimostrata, per quelli «proprietario» e finanziario, in base alla esigua durata dei periodi di riferimento, mentre – per quanto riguarda l’attuale, ultrafinanziario – Galloni solleva provocanti e preoccupanti perplessità, visto il suo completo distacco dall’economia reale e locale ed il sostegno che ha avuto e che sta avendo dalle Banche Centrali. Da questo punto di vista, la svolta voluta da Mario Draghi il 5 Giugno del 2014 appare cruciale.

Unico capitalismo sostenibile, dunque, sarebbe quello espansivo e keynesiano, ma Galloni non propone solo un ritorno a Keynes («riveduto e corretto»), ma anche di riflettere sull’alternativa – per la prima volta – al capitalismo stesso, pur sollevando dubbi, sempre in termini di sostenibilità, sui modelli della «decrescita».

Secondo Galloni è la politica – che ha tradito il Paese all’inizio degli anni ’80 – a dover essere reinventata per fungere da guida alle scelte economiche, poiché queste ultime possono (e devono), venir indirizzate verso un capitalismo espansivo oppure verso un non-capitalismo.

[...]
la pretesa di ottenere, promettere o fornire rendimenti dalle attività finanziarie puramente speculative superiori a quelli dell’economia reale e agli stessi tassi di sviluppo, è la causa determinante l’origine dello squilibrio: eccesso di mezzi monetari sempre piú liquidi per  fronteggiare gli impegni sul versante speculativo e carenza di mezzi per le attività produttive sia pubbliche, sia private. Le banche tedesche e francesi (per non parlare delle spagnole e delle inglesi) sono piene di titoli tossici, il cui ammontare supera di decine di volte quello di tutti i debiti pubblici dei Paesi al di qua e al di là dell’Atlantico.
[...]
Il problema di oggi sembrerebbe, invero, rappresentato dal fatto che le attuali cerchie di potere non risultano né responsabili, né lungimiranti mentre i movimenti popolari non trovano coaguli adeguati verso il governo – o, almeno, una qualche proposta-progetto – del cambiamento. Su questa strada sono di ostacolo non solo i cosiddetti poteri forti, ma soprattutto i vecchi pregiudizi e l’esistenza, tipica dei Paesi latini, di una fitta rete di connivenze e di appartenenze che, dal basso, minano la democrazia e utilizzano la legalità al contrario, cioè negandola, per ottenere benefici e privilegi: ciò che segna l’ostacolo a una politica partecipata da tutti e finalizzata al bene di tutti. Riuscirà il M5S a portarci fuori da questa situazione?
[...]
(Dalla premessa dell’autore)


INDICE

VII Saggio introduttivo alla quinta edizione

XXIII Presentazione della quarta edizione
XXIX Presentazione della terza edizione
XLIII Presentazione della seconda edizione

13 Premessa - L’evoluzione dell’attuale crisi mondiale

29 Capitolo 1 - Dal 1947 al 1962
1.1. Le svolte del 1947 e l’impostazione degasperiana, p. 31 – 1.2. Le partecipazioni statali, p. 36 – 1.3. Dall’omicidio di Mattei ai prodromi del centro-sinistra, p. 41

45 Capitolo 2 - Gli anni ’60 e ’70
2.1. L’Italia ha un ruolo nello scacchiere internazionale, p. 47 – 2.2. Fiducia negli affari, investimenti elevati e valore dei patrimoni, p. 50 – 2.3. Piccole imprese e strane virtú della lira, p. 52 – 2.4. Un Paese che va troppo bene: bisogna ammazzare qualcuno, p. 54

59 Capitolo 3 - Dal «divorzio» tra Tesoro e Banca d’Italia alla messa a regime delle privatizzazioni
3.1. La crisi della sovranità politica e la sterilizzazione dello sviluppo, p. 61 – 3.2. La fine della sovranità monetaria come punizione della politica, p. 68 – 3.3. Restrizioni del bilancio pubblico e svendita delle imprese partecipate, p. 75 – 3.4. La riforma del mercato del lavoro e la negazione delle strategie per l’industria, p. 78 – 3.5. Il ribaltamento del rischio sulla società civile come elemento fondamentale della insostenibilità dell’attuale modello economico, p. 84 – 3.6. Le ripercussioni sulle grandi reti infrastrutturali, la ricerca e l’innovazione applicata, p. 85 – 3.7. La mancata attuazione della Costituzione e la sottrazione della politica all’elettorato, p. 91

95 Capitolo 4 - Il nuovo millennio: dopo la fine della globalizzazione, il nulla?
4.1 Verso la netta separazione dei soggetti che esercitano credito ordinario, finanza speculativa e compravendita di obbligazioni a basso rischio, p. 97 – 4.2 . Una regolamentazione internazionale dei costi di produzione, p. 102 – 4.3. Conflitto inter o intragenerazionale?, p. 104 – 4.4. È possibile una necessaria riforma previdenziale?, p. 110 – 4.5. Riforme fiscali, economia sommersa (non osservata), usura, p. 113 – 4.6. Una rivisitazione della politica economica per gestire in modo diverso la cooperazione tra tutte le realtà mediterranee, p. 120

127 Conclusione - Come contrastare la catastrofe?

135 Indice dei grafici e delle tabelle

Appendice alla seconda edizione - 137 È possibile salvare l’euro?

Appendici alla terza edizione
159 Sei punti per lo sviluppo e la piena occupazione
161 Interventi urgenti per il rilancio dell’economia
169 Indice dei nomi e degli argomenti
184 Bibliografia aggiornata e ampliata


Nino Galloni, (Roma 1953), direttore generale del Ministero del Lavoro, funzionario in diversi ministeri finanziari, è attualmente membro effettivo del Collegio dei sindaci dell’Inps. È stato ricercatore all’università di Berkeley in California, stretto collaboratore di Federico Caffè e ha insegnato nelle università di Roma, Milano, Napoli, Modena e Cassino. È autore di numerosissimi articoli e libri fra cui, per Editori Riuniti,L’occupazione tradita (1998) e Il grande mutuo (2008); e con altri editori, Mercato senza padroni (2001), Dopo lo sviluppo sostenibile (2002), Misteri dell’euro, misfatti della finanza (2005), La moneta copernicanacon M. Della Luna (2008), Prendi i tuoi soldi... e scappa? (2010), Eurocidio con Giovanni Passali (2013) e Moneta e Società (2013).


Condividi


Altri libri in questa collana