Diario di un socialcomunista siciliano. Tra memoria e futuro

Nicola Cipolla

Diario di un socialcomunista siciliano. Tra memoria e futuro

Prezzo di vendita$21.00 Prezzo regolare$23.00
Risparmia $2.00
SKU: 9788864731377
Quantità:

Contatti

Newsletter

Per essere sempre aggiornato sulle nostre pubblicazioni e ricevere offerte in esclusiva iscriviti alla nostra newsletter.

 

Email della casa editrice

info@editoririuniti.it

 

Invio manoscritti

redazione@editoririuniti.it

È gentilmente richiesto l'invio:

  • del testo (anche parziale e non definitivo) nel formato .doc oppure .pdf;
  • di una sinossi o breve presentazione dell'opera;
  • di un CV o breve biografia dell'autore/i.

    Leggiamo e valutiamo tutte le proposte, ma a causa dell'elevato numero di richieste purtroppo non ci è possibile rispondere a tutti.

    Non pubblichiamo romanzi e poesie.

     

    Invio curriculum *al momento non ci sono posizioni aperte*

    risorseumane@editoririuniti.it

    Candidature inviate ad altri indirizzi non verranno prese in considerazione.

     

    Telefono

    Casa editrice: (+39) 380 4590487

    Info ordini e disponibilità titoli: (+39) 351 9283809

     

    Social

    https://www.facebook.com/EditoriRiuniti

    https://www.instagram.com/editoririuniti_libri

     

    Cataloghi

    Cliccare per visualizzare e scaricare il catalogo generale e il catalogo dedicato a Matematica e Fisica.

     

    Indirizzo amministrazione

    Editori Riuniti
    Via di Fioranello, 56
    00134 Roma (RM)

     

    Promozione e distribuzione

    Siamo distribuiti su tutto il territorio nazionale da Messaggerie Libri. La promozione è affidata a EmmePromozione.

    “[...] la più importante operazione politica di Li Causi è rappresentata dalla costituzione del Blocco del Popolo.

    Questa formazione per otto anni, gli anni cioè dopo Portella della Ginestra, del governo di centro-destra di Restivo e del cardinale Ruffini a Palermo, diresse politicamente, attraverso i propri membri comunisti e socialisti che guidavano il movimento sindacale nelle città e nelle campagne, la realtà delle lotte sociali.

    Il Blocco del Popolo rappresentò così una formazione politica che sarebbe potuta sbocciare nella costituzione di un partito social-comunista siciliano”.

     

    Dall’Introduzione dell’autore

     

    Durante gli anni del liceo Umberto comincia a conoscere il marxismo assieme a Nino Sorgi, Enzo Sellerio e altri ad iniziativa di professori socialisti.

    Dopo il 10 luglio del ’43 e lo sbarco degli alleati aderisce al Partito Socialista ed è tra i fondatori del “Fronte del lavoro”.

    Nel ’44 rifonda la Camera del Lavoro di Palermo assieme al segretario comunista Cesare Sessa. All’inizio del ’46, assieme ad altri, espelle dal PSI Rocco Gullo già vice sindaco di Palermo nella giunta separatista di Lucio Tasca nominata dall’Amgot di Poletti.

    Il Gullo venne successivamente reintegrato nel partito da P. Nenni e G. Saragat.

    Perciò Cipolla e altri giovani decidono di lasciare il PSI e di aderire al PCI guidato, all’epoca, in Sicilia da Girolamo Li Causi.

    Nel ’47 viene eletto segretario responsabile della Confederterra. Per tre legislature all’ARS (1951/1963). Eletto a Palermo nella lista del Blocco del Popolo e poi del PCI.

     

    TRUSTPILOT