Carrello 0
Digital Divide et Impera. Il ritardo del digitale è un caso?

Digital Divide et Impera. Il ritardo del digitale è un caso?

Autore: Maurizio Matteo Dècina

ISBN13: 9788864732008

Anno pubblicazione: 2016

€6.80 €8.00

Spedizione gratuita per ordini di almeno €49,00

Spedizione per posta raccomandata €3,95

Spedizione per corriere espresso €6,90



Pagine: 96.

In questo breve saggio, comprensibile anche da tutti coloro che si trovino a digiuno di conoscenze informatiche, viene analizzato il caso di Roma come emblema di una corruzione sempre più dilagante. Vengono quantificati i costi sociali di un sistema obsoleto che si basa su un inefficiente sistema informativo. Una corretta gestione dell’informazione è infatti alla base di qualsiasi sistema legale e trasparente. Da mafia capitale ad affittopoli, dal numero delle prescrizioni giudiziarie all’inefficienza delle partecipate, troviamo fenomeni dovuti in parte anche all’inadeguatezza e alle mancanze dell’ICT (Information and Communication Technology). Secondo il quadro riportato, la pubblica amministrazione, a partire dal numero imbarazzante di partecipate, sarebbe contraddistinta da migliaia di data center e decine di migliaia di centrali di spesa, tutte accompagnate da procedimenti sconnessi, frammentati e individualistici. È facile capire la vulnerabilità di un sistema preda di interessi ambigui.

«Capitale corrotta, Nazione infetta», era il titolo di uno dei più fortunati e famosi articoli de «L’Espresso». Se nel paese alla rovescia, con faccendieri, cricche, gaglioffi, lestofanti premiati e con gli onesti e capaci perseguitati, ci troviamo ai primi posti per corruzione, agli ultimi per libertà di informazione, dobbiamo dare atto all’autore, di indicare tentativi di vie di uscita anche mediante l’economia digitale “neutrale”.
Elio Lannutti

Clicca qui per acquistare l'Ebook


INDICE

Introduzione
di Elio Lannutti

CAPITOLO I. L’ICT è il vero fattore anticorruzione?
13 - Quousque tandem abutere patientia nostra?
22 - Un’orgia di partecipate, il flop del modello privato
26 - ICT e anticorruzione: un rapporto esponenziale
35 - Web 2.0 e social network per uno sviluppo equilibrato

CAPITOLO II. Un piano di sviluppo
42 - La banda larga
48 - ICT e Giustizia, la riforma passa attraverso il web
54 - Dal buon governo all’e-Government
62 - Telelavoro? No, Smart working
67 - Rischi dell’economia digitale
71 - ICT. Etica, competenze e normative
77 - Dieci proposte per un digital non divide

79 - Postfazione
di Francesco Vatalaro

 


Maurizio Matteo Dècina, esperto di Economia Digitale, è nato e vive a Roma. Laureato in Economia, da 20 anni lavora nel settore delle telecomunicazioni ricoprendo funzioni dirigenziali e di consulenza strategica. Ha pubblicato un corso multimediale di Economia Politica distribuito nelle più grandi università italiane e i volumi Goodbye Telecom e La Banda Larga editi da Castelvecchi. Collabora con il Corriere delle Comunicazioni ed è stato Vicepresidente dell’Associazione dei piccoli azionisti di Telecom Italia.


Condividi


Altri libri in questa collana