Carrello 0
Identità e oggetto - Lineamenti di una teoria normatica dell'intenzionalità e del riferimento

Identità e oggetto - Lineamenti di una teoria normatica dell'intenzionalità e del riferimento

Autore: Leonardo Botti

ISBN13: 9788835958451

Anno pubblicazione: 2006

€17.00 €20.00

Spedizione gratuita per ordini di almeno €49,00

Spedizione per posta raccomandata €3,95

Spedizione per corriere espresso €5,90



Pagine: 267.

Questo libro intende tracciare i lineamenti di una teoria del riferimento di carattere normativo, ricostruendone la genesi e mettendone in luce le implicazioni teoriche. Elaborato originariamente nell'ambito della fenomenologia di Husserl e riproposto recentemente da alcuni importanti autori di orientamento analitico (J. Searle e D. Foellesdal, in particolare), questo approccio al riferimento si basa sulla nozione di identità intenzionale, attribuendo all'oggetto «un valore orientativo, regolativo o "ideale"» e assumendolo così come «polo trascendente di identificazione» (Enzo Me-landri). Sotto questo profilo, la teoria normativa del riferimento si pone allora come un paradigma alternativo tanto all'approccio fregeano quanto all'approccio, oggi dominante, sostenuto dai teorici del riferimento diretto, delineando un progetto di ricerca in base al quale la rigidità della designazione appare «una idea regolativa, nel senso kantiano del termine» (Umberto Eco). In particolare, il lavoro si articola in tre parti. Nella prima, viene esaminata la trattazione husserliana della struttura dell'atto intenzionale e viene messa in luce la posizione centrale occupata dalla nozione di «identità oggettuale» sia nelle Ricerche logiche che in Idee I. Nella seconda, la trattazione verte sulla teoria dell'intenzionalità e del riferimento elaborata da John Searle: la struttura dell'atto e la funzione dell'identità dell'oggetto vengono esaminate in dettaglio, mettendone in evidenza i tratti di carattere normativo. Nella terza, si cerca di tracciare un bilancio delle difficoltà e delle prospettive di questo approccio al riferimento; e, impiegando come strumento di indagine la nozione di identità percettiva (Paolo Bozzi) e il concetto aristotelico di sostanza (così come viene teorizzato, in particolare, nel libro Z della Metafisica), si esplorano alcune vie per la soluzione dei problemi e lo sviluppo di nuovi filoni di indagine.

Leardo Botti ha conseguito la laurea in filosofia teoretica e il dottorato di ricerca in filosofia analitica presso l'Università di Bologna; ha pubblicato vari articoli su temi di teoria della conoscenza e teoria del significato, sia in riferimento ad autori antichi (Aristotele, gli Stoici) che ad autori moderni e contemporanei.


Condividi


Altri libri in questa collana