Il disprezzo per i poveri. Due scritti sulle radici dell’avversione liberista per lo stato sociale
Il disprezzo per i poveri. Due scritti sulle radici dell’avversione liberista per lo stato sociale

Townsend Joseph

Il disprezzo per i poveri. Due scritti sulle radici dell’avversione liberista per lo stato sociale

Prezzo di vendita$10.00 Prezzo regolare$11.00
Risparmia $1.00
SKU: 9788835982388
Quantità:

Contatti

Newsletter

Per essere sempre aggiornato sulle nostre pubblicazioni e ricevere offerte in esclusiva iscriviti alla nostra newsletter.

 

Email della casa editrice

info@editoririuniti.it

 

Invio manoscritti

redazione@editoririuniti.it

È gentilmente richiesto l'invio:

  • del testo (anche parziale e non definitivo) nel formato .doc oppure .pdf;
  • di una sinossi o breve presentazione dell'opera;
  • di un CV o breve biografia dell'autore/i.

    Leggiamo e valutiamo tutte le proposte, ma a causa dell'elevato numero di richieste purtroppo non ci è possibile rispondere a tutti.

    Non pubblichiamo romanzi e poesie.

     

    Invio curriculum *al momento non ci sono posizioni aperte*

    risorseumane@editoririuniti.it

    Candidature inviate ad altri indirizzi non verranno prese in considerazione.

     

    Telefono

    Casa editrice: (+39) 380 4590487

    Info ordini e disponibilità titoli: (+39) 351 9283809

     

    Social

    https://www.facebook.com/EditoriRiuniti

    https://www.instagram.com/editoririuniti_libri

     

    Cataloghi

    Cliccare per visualizzare e scaricare il catalogo generale e il catalogo dedicato a Matematica e Fisica.

     

    Indirizzo amministrazione

    Editori Riuniti
    Via di Fioranello, 56
    00134 Roma (RM)

     

    Promozione e distribuzione

    Siamo distribuiti su tutto il territorio nazionale da Messaggerie Libri. La promozione è affidata a EmmePromozione.

    Il volume raccoglie due scritti che il reverendo Joseph Townsend pubblicò alla fine del XVIII secolo contro le leggi che aiutavano i poveri a sopravvivere. Quelle leggi regolavano il welfare state dell’epoca. Questo libro ci aiuta a comprendere quanto siano radicate nel tempo le posizioni ideologiche liberiste, cui si ispirano le politiche dei governi conservatori, che ora chiedono una compressione, quando non la cancellazione, dei diritti sociali. Perfino il lessico dei due pamphlet di Townsend riecheggia nel linguaggio dei politici e di chi nega la necessità che lo Stato si occupi dei cittadini e delle persone più bisognose e sfortunate. Alla base dell’avversione per l’aiuto dato con risorse pubbliche ai soggetti più fragili economicamente e socialmente, vi è il timore di indebolire un sistema di selezione sociale, nel quale le ineguaglianze sono il risultato dell’operare di leggi di natura e le differenze di condizioni di vita dipendono unicamente dai comportamenti individuali. Occorre perciò rassegnarsi, riteneva Townsend, all’impotenza di ogni politica redistributiva per migliorare le sorti delle persone indigenti.

    TRUSTPILOT