Il sogno di Omàr

Rosa Romano Toscani

Il sogno di Omàr

Prezzo di vendita$15.00 Prezzo regolare$16.00
Risparmia $1.00
SKU: 9788864730288
Quantità:

Contatti

Newsletter

Per essere sempre aggiornato sulle nostre pubblicazioni e ricevere offerte in esclusiva iscriviti alla nostra newsletter.

 

Email della casa editrice

info@editoririuniti.it

 

Invio manoscritti

redazione@editoririuniti.it

È gentilmente richiesto l'invio:

  • del testo (anche parziale e non definitivo) nel formato .doc oppure .pdf;
  • di una sinossi o breve presentazione dell'opera;
  • di un CV o breve biografia dell'autore/i.

    Leggiamo e valutiamo tutte le proposte, ma a causa dell'elevato numero di richieste purtroppo non ci è possibile rispondere a tutti.

    Non pubblichiamo romanzi e poesie.

     

    Invio curriculum *al momento non ci sono posizioni aperte*

    risorseumane@editoririuniti.it

    Candidature inviate ad altri indirizzi non verranno prese in considerazione.

     

    Telefono

    Casa editrice: (+39) 380 4590487

    Info ordini e disponibilità titoli: (+39) 351 9283809

     

    Social

    https://www.facebook.com/EditoriRiuniti

    https://www.instagram.com/editoririuniti_libri

     

    Cataloghi

    Cliccare per visualizzare e scaricare il catalogo generale e il catalogo dedicato a Matematica e Fisica.

     

    Indirizzo amministrazione

    Editori Riuniti
    Via di Fioranello, 56
    00134 Roma (RM)

     

    Promozione e distribuzione

    Siamo distribuiti su tutto il territorio nazionale da Messaggerie Libri. La promozione è affidata a EmmePromozione.

    ”Perché non prendono la parola gli psicoanalisti, loro che potrebbero aiutare a far capire come queste fobie siano proiezioni di tensioni e crisi, di inquietudini profonde, di timori e fantasmi dell’animo?” (2000). È l’accorato grido di Toni Maraini. “La cultura, almeno in Italia, ha per decenni voltato le spalle al resto del mondo, o si è soddisfatta di luoghi comuni e al momento storico attuale è incapace di svolgere il proprio ruolo”, continua, accusando a buona ragione, l’Occidente di aver sfruttato le risorse dei paesi del Medio Oriente a discapito del loro sviluppo democratico.

    Non potevo rimanere sorda e muta a questo accorato appello, al dolore che urla nel cuore.

    Perché allora non ricorrere al sogno e all’allegoria in un tempo, il nostro, in cui dominano l’odio, la guerra, l’intolleranza? Il sogno non è forse uno dei linguaggi specifici di chi si occupa della cura delle anime?
    Dice lo scrittore americano Paul Sanberg che “non avviene nulla se prima non si sogna” (1986) e lo psicoanalista inglese W.R. Bion che “l’atto di sognare crea l’inconscio e dunque la coscienza” (1962).

    Il sogno di Omàr è il viaggio, attraverso l’illusione onirica, nelle speranze e nelle paure degli uomini che hanno perso la strada dei sogni.

    Da circa un anno Omàr faceva un sogno ricorrente che lo attanagliava; solo alla fine della sua vita, Dio accolse le sue preghiere e mandò lui un sogno che risolvesse i suoi turbamenti. Omàr comprese così come il mezzo onirico potesse divenire per gli uomini quella luce che rischiara e invera le esistenze di chi ha perso la coscienza. Di questa verità Omàr si farà messaggero tra gli uomini che riceveranno i sogni che li illumineranno. I racconti sono collegati tra di loro dalla riflessione sul conflitto israelo-palestinese mediante l’osservazione partecipata di singole situazioni private.

    Dalla manipolazione e dalla disperazione a cui è costretto l’uomo nelle culture aggressive e teocratiche, al ripudio della propria moglie, all’impossibilità di amore e di amicizia tra etnie diverse, alla violenza imposta alla donna dai costumi e dalla cecità di alcune tradizioni.

    In ultima analisi, il racconto “La cultura della speranza” è una postilla di denuncia per chi ha calpestato, e continua a calpestarla, in nome di presunti principi che offendono il valore dell’uomo.


    TRUSTPILOT