Il tribuno del popolo
Il tribuno del popolo

François Noël Babeuf

Il tribuno del popolo

Prezzo di vendita€17.10 Prezzo regolare€18.00
Risparmia €0.90
SKU: 9788835982371
Quantità:

Contatti

Newsletter

Per essere sempre aggiornato sulle nostre pubblicazioni e ricevere offerte in esclusiva iscriviti alla nostra newsletter.

 

Email della casa editrice

info@editoririuniti.it

 

Invio manoscritti

redazione@editoririuniti.it

È gentilmente richiesto l'invio:

  • del testo (anche parziale e non definitivo) nel formato .doc oppure .pdf;
  • di una sinossi o breve presentazione dell'opera;
  • di un CV o breve biografia dell'autore/i.

    Leggiamo e valutiamo tutte le proposte, ma a causa dell'elevato numero di richieste purtroppo non ci è possibile rispondere a tutti.

    Non pubblichiamo romanzi e poesie.

     

    Invio curriculum *al momento non ci sono posizioni aperte*

    risorseumane@editoririuniti.it

    Candidature inviate ad altri indirizzi non verranno prese in considerazione.

     

    Telefono

    Casa editrice: (+39) 380 4590487

    Info ordini e disponibilità titoli: (+39) 351 9283809

     

    Social

    https://www.facebook.com/EditoriRiuniti

    https://www.instagram.com/editoririuniti_libri

     

    Cataloghi

    Cliccare per visualizzare e scaricare il catalogo generale e il catalogo dedicato a Matematica e Fisica.

     

    Indirizzo amministrazione

    Editori Riuniti
    Via di Fioranello, 56
    00134 Roma (RM)

     

    Promozione e distribuzione

    Siamo distribuiti su tutto il territorio nazionale da Messaggerie Libri. La promozione è affidata a EmmePromozione.

    François Noël Babeuf, soprannominatosi Gracchus, è stato un assertore del comunismo utopistico, capo della Congiura degli Eguali – il primo esperimento di partito rivoluzionario organizzato. Il pensiero e l’azione di Babeuf, una delle prime vittime della reazione borghese, ghigliottinato solo nove anni dopo la presa della Bastiglia e l’immenso impeto di speranza del 1789, eccitano la curiosità degli storici. Babeuf era stato testimone delle lotte dei contadini e vi prese presto personalmente parte salvaguardando i loro diritti e cercando soluzioni alla crisi. È così che diviene filosofo – come lo si era nel secolo XVIII – e aspira alla felicità sulla terra per l’umanità intera e infatti scrive:
    [...] Perché, infine, nessuno ha ancora pensato al povero; e, dico io, nel rinnovamento delle leggi di un Impero bisogna principalmente trattare del povero; è lui, è la sua causa che interessa più d’ogni altra sostenere. Qual è lo scopo della società? Non è forse quello di procurare ai suoi membri la più grande felicità possibile? E a che servono dunque tutte le vostre leggi se in ultima analisi non riescono a trarre dagli abissi della miseria questa enorme massa di indigenti, questa moltitudine che compone la stragrande maggioranza della società? A che serve un comitato di mendicità che continua ad avvilire gli esseri umani parlando di elemosine e di leggi repressive, nel tentativo di obbligare un gran numero di infelici a seppellirsi in capanne e a morirvi d’inedia, affinché il triste spettacolo della natura sofferente non inciti a rivendicare i primitivi diritti di tutti gli uomini, che la natura ha creato perché vivano e non perché solo alcuni di essi accaparrino per sé il bene di tutti? [...].

    TRUSTPILOT