La legge naturale in John M. Finnis

Tommaso Scandroglio

La legge naturale in John M. Finnis

Prezzo di vendita$15.00 Prezzo regolare$16.00
Risparmia $1.00
SKU: 9788835960584
Quantità:

Contatti

Newsletter

Per essere sempre aggiornato sulle nostre pubblicazioni e ricevere offerte in esclusiva iscriviti alla nostra newsletter.

 

Email della casa editrice

info@editoririuniti.it

 

Invio manoscritti

redazione@editoririuniti.it

Manoscritti e proposte di scrittori possono essere inviate al suddetto indirizzo. E' gentilmente richiesto l'invio:

  • del testo (anche parziale e non definitivo) nel formato .doc oppure .pdf;
  • di una sinossi o breve presentazione dell'opera;
  • di un CV o breve biografia dell'autore/i.

    Leggiamo e valutiamo tutte le proposte, ma a causa dell'elevato numero di richieste purtroppo non ci è possibile rispondere a tutti. Non pubblichiamo romanzi e poesie.

     

    Email per invio curriculum *al momento non ci sono posizioni aperte*

    risorseumane@editoririuniti.it

    Coloro che desiderino presentare la propria candidatura per una collaborazione scrivere al seguente indirizzo (candidature inviate ad altri indirizzi non verranno prese in considerazione).

     

    Telefono

    Casa editrice: (+39) 380 4590487

    Info ordini e disponibilità titoli: (+39) 351 9283809

     

    Seguici sulle nostre Pagine Social

    https://www.facebook.com/EditoriRiuniti

    https://www.instagram.com/editoririuniti_libri

     

    Cataloghi

    Cliccare per visualizzare e scaricare il catalogo generale e il catalogo dedicato a Matematica e Fisica.

     

    Indirizzo Amministrazione
    Editori Riuniti
    Via di Fioranello, 56
    00134 Roma (RM)

     

    Promozione e Distribuzione

    Siamo distribuiti su tutto il territorio nazionale da Messaggerie Libri. La promozione è affidata a EmmePromozione.

    Il tentativo di seppellire una volta per tutte le dottrine che fanno riferimento alla legge naturale etichettandole come superate e logore è una tentazione che nella storia della filosofia del diritto è assai frequente.

    Ma accade che quanto più si attacca con pervicacia ogni forma di giusnaturalismo tanto più questo prende vigore. Nella discussione odierna sulla legge naturale una posizione dottrinale che si segnala per l'interessante e peculiare costrutto teorico è quella del filosofo contemporaneo John M. Finnis, esponente di spicco della cosiddetta Scuola Neoclassica.

    Secondo Finnis la ragione ha una natura intrinsecamente pratica, perché la ragione conosce il fondamentale principio autoevidente della natura umana: Il bene deve essere sempre perseguito, il male sempre rifiutato. Di conseguenza la razionalità pratica dichiara irrazionale qualsiasi azione che non abbia il bene come scopo.

    In questo saggio Tommaso Scandroglio disegna un ritratto sintetico del pensiero di Finnis sulla legge naturale, mettendo in luce gli elementi di indiscussa originalità delle sue tesi, ma appuntandone anche ambiguità e aporie.

    Finnis infatti compie un'operazione dai profili sicuramente innovativi, seppur rischiosa. Recupera il portato culturale dell'insegnamento di Aristotele e soprattutto di Tommaso D'Aquino, ma utilizzando metodologie di indagine proprie della analytical jurisprudence.

    Una sintesi ardita dunque: contenuto mutuato nonché rielaborato dalla tradizione classica e scolastica, tecniche di ricerca derivate dall'ambito della scuola analitica. Sintesi che genera un duplice effetto.

    Da un lato Finnis riesce nell'intento di attualizzare la teoria classica sulla legge naturale e renderla rispondente alla sensibilità moderna.

    Su un altro versante però la fondazione di una morale naturale svincolata da un assetto metafisico - non radicata nella natura umana bensì in elementi caratterizzati da aspetti più vicini a dati empirici-esperienziali e alla sociologia descrittiva - espone tutta la costruzione teorica di Finnis a severe critiche: la liceità morale dell'atto si sottrae a criteri assoluti e universali e tende a trascolorare nei toni oscuri del situazionismo e del soggettivismo.