Carrello 0
Soggetto e persona nel pensiero francese del Novecento

Soggetto e persona nel pensiero francese del Novecento

Autore: Tommaso Valentini

ISBN13: 9788864730516

Anno pubblicazione: 2011

€16.15 €19.00

Spedizione gratuita per ordini di almeno €49,00

Spedizione per posta raccomandata €3,95

Spedizione per corriere espresso €5,90



Pagine: 319.

A cura di Tommaso Valentini.

Il volume analizza il tema della soggettività umana così come esso è stato affrontato nel pensiero francese del Novecento, a partire dal clima filosofico dello spiritualismo fino agli esiti teoretici della stagione post-strutturalista. La prima parte del volume (Lineamenti generali) delinea i principali tratti delle diverse filosofie che hanno caratterizzato il Novecento francese: in essa vengono presi in considerazione lo spiritualismo, il personalismo, l’esistenzialismo, lo strutturalismo, l’ermeneutica e la stagione di pensiero comunemente definita postmoderna. Si tratta di un excursus che descrive in maniera sintetica le metodologie tramite le quali i temi della soggettività e della persona sono stati affrontati nei diversi contesti filosofici. Nella seconda parte del libro (Percorsi di approfondimento) presentiamo undici saggi nei quali le tematiche della soggettività e dell’identità personale vengono trattate in riferimento ad uno specifico autore e contesto storiografico. Nei saggi sono presi in esame il concetto di riconoscimento intersoggettivo (Anerkennung) elaborato da Alexandre Kojève a partire dai suoi studi hegeliani, la figura emblematica dell’homme révolté in Albert Camus, la nozione di persona in Emmanuel Mounier e in Jacques Maritain, l’ontologia dell’homo capax in Paul Ricoeur, la decostruzione del sé in Jacques Derrida, il significato dell’alterità in Emmanuel Lévinas, l’ermeneutica del sé in Michel Foucault e l’analisi ontologica della soggettività compiuta da Alain Badiou. Gli ultimi due saggi del libro si caratterizzano per un approfondimento del tema della soggettività in ambito psicoanalitico: essi vertono sulle questioni sollevate da una “clinica del soggetto” e si rivolgono in particolare al pensiero di Jacques Lacan e di René Kaës.

INDICE

Presentazione, di Armando Rigobello p. 9
Introduzione 11

Prima Parte: Lineamenti generali
Il problema della soggettività nella filosofia francese del Novecento: percorso tra differenti contesti speculativi e metodi d’indagine, di Tommaso Valentini
1. Trasformazioni del soggetto. Uno sguardo d’insieme 17
2. Introspezione ed analisi interiore. Il primato dello spirito sulla materia 19
3. Metafisica della persona, umanesimo integrale ed engagement 31
4. Il senso dell’esistere: l’uomo è una “passione inutile”? 41
5. La struttura: “un trascendentale senza soggetto” 54
6. Soggettività ed emancipazione. Nietzsche-Renaissance, “filosofie della differenza” e “pensiero nomade” 61
7. Decostruzione e pensiero postmoderno. Oltre il soggetto? 83
8. Conclusioni. Quali “orizzonti di senso” per l’uomo contemporaneo? 94

Seconda Parte: Percorsi di approfondimento
Il tema dell’Anerkennung in Hegel. Alcune riflessioni a margine della lettura di Alexandre Kojève, di Carla Maria Fabiani 99
Il soggetto e la misura nell’homme révolté di Albert Camus, di Giulio Nocerino 111
Filosofia della persona ed impegno etico: la prospettiva di Emmanuel Mounier, di Andrea Romano 125
Il principio personalista e comunitario nel pensiero di Jacques Maritain. Superamento delle dicotomie moderne e prospettive di un nuovo umanesimo, di Amedeo Costabile 135
Paul Ricoeur. Ermeneutica dell’homo capax e ricerca di un’ontologia del soggetto, di Tommaso Valentini 173
Emmanuel Lévinas. Il soggetto in soggezione, di Sabina Geminiani 203
Jacques Derrida: l’impossibilità del dono e del perdono per il soggetto, di Maddalena Pezzato 217
L’ultima filosofia di Michel Foucault: il farsi etico della verità, di Cosimo Degli Atti 233
Il soggetto fedele di Alain Badiou, di Alex Pagliardini 251
Il soggetto diviso: la prospettiva psicoanalitica di Jacques Lacan, di Nicolò Terminio 277
Soggetto e gruppo: una lettura del contributo di René Kaës, di Valentina Nanni e Francesca N. Vasta 297

Notizie sugli autori 317

Tommaso Valentini (1979) si è laureato in Filosofia all’Università di Roma LUMSA. È dottore di ricerca in “Etica ed antropologia filosofica” presso l’Università degli Studi del Salento. Dal 2004 lavora come segretario di redazione di «Acta Philosphica. Rivista internazionale di filosofia» presso la Pontificia Università della Santa Croce in Roma. Dal 2006 al 2008 ha approfondito i suoi studi sul pensiero classico tedesco a Monaco di Baviera presso la Ludwig-Maximilians Universität. Attualmente è ricercatore presso l’Università degli Studi Guglielmo Marconi di Roma (dove insegna “Filosofia politica” e “Storia della filosofia moderna”) ed è docente di “Filosofia teoretica” all’Università LUMSA. Ha pubblicato numerosi saggi ed articoli su Kant, J.G. Fichte, il personalismo e l’ermeneutica filosofica (in particolare Paul Ricoeur). Nel 2010 per gli Editori Riuniti university press ha curato (insieme a Silvio Spiri) il volume Allargare gli orizzonti della razionalità. Prospettive per la filosofia.


Condividi


Altri libri in questa collana