Carrello 0
Storia economica e sociale dell'antichità. I rapporti agrari

Storia economica e sociale dell'antichità. I rapporti agrari

Autore: Max Weber

ISBN13: 9788835981510

Anno pubblicazione: 2019

€20.40 €24.00

Spedizione gratuita per ordini di almeno €49,00

Spedizione per posta raccomandata €3,95

Spedizione per corriere espresso €6,90



Max Weber scrive, nel 1897, una prima stesura della voce rapporti agrari nell’antichità per il prestigioso Hanwoörterbuch der Staatswissenschaft, allora alla seconda edizione. Per la terza edizione di questo, nel 1900, egli rielabora radicalmente e amplia profondamente la voce sino a realizzare una complessa interpretazione delle strutture economiche e sociali del mondo antico e del loro funzionamento. In tal modo la storia dei rapporti agrari nell’antichità (dall’antico Egitto alle civiltà mesopotamiche, dalla Grecia a Roma) diventa una riflessione che trascende chiaramente quelli che avrebbero dovuto essere i limiti tematici del suo saggio. In questa nuova edizione vediamo tra l’altro un tentativo di analisi dei fenomeni sociali fondato su categorie idealtipiche, fra cui, centrale, appare quella del feudalesimo cittadino. In quegli anni infatti l’attenzione di Weber è ormai sempre più concentrata sulla città come poi risulterà dalle sue opere successive. Anche per questo il presente libro è una chiave indispensabile per cogliere un passaggio cruciale nell’evoluzione del pensiero di una delle più importanti personalità del XX secolo.

Formato 15x21 cm., pag. 450.

Prefazione di Arnaldo Momigliano.

Vedi gli altri volumi della collana Biblioteca.


INDICE

Prefazione

Avvertenza

I rapporti agrari nel mondo antico

I. Introduzione: per una teoria economica del mondo antico

II. La storia agraria delle grandi civiltà antiche
1. Mesopotamia
2. Egitto
3. Israele
4. Grecia
5. Ellenismo
6. Roma
7. Linee di sviluppo in età imperiale

Indicazioni bibliografiche

Appendice. Le cause sociali del tramonto della civiltà antica


L’opera di Karl Emil Maximilian Weber (1864-1920), rappresenta uno dei momenti più alti della grande stagione culturale tedesca nell’età moderna. Appartenente ad una famiglia della borghesia professionale e intellettuale, Weber ebbe occasione di frequentare sin dalla sua giovinezza esponenti dell’accademia e del mondo politico e con Theodor Mommsen sostenne poi la sua dissertazione di dottorato nel 1891, sulla Storia agraria romana, un’opera ancor oggi fondamentale in questo campo. Nei decenni successivi il suo orizzonte si estese in maniera straordinaria, sino ad abbracciare la storia delle grandi religioni mondiali, complessi problemi di metodologia delle scienze sociali e storiche e i nessi fra organizzazione economica e forme della società. Tappe fondamentali della sua vicenda intellettuale sono i saggi sull’Etica protestante e lo spirito del capitalismo, sull’Oggettività conoscitiva della scienza sociale e della politica sociale e le indagini su Economia e società pubblicate postume nel 1922.


Condividi


Altri libri in questa collana